Lilypie Second Birthday tickers

Lilypie Kids Birthday tickers Lilypie Fourth Birthday tickers

lunedì 30 dicembre 2013

MI ACCENDETE LA LUCE?

Sono in periodo buio delle mia vita, vedo tutto nero, nonostante io sia circondata da colori abbaglianti e i miei bimbi ne sono prova.
Vorrei fare mille cose, ma sono così abbattuta che non riesco a fare nulla

domenica 29 dicembre 2013

il virus

Due settimane fa Ponyo mi ha attaccato la tosse…e poi l'abbiamo attaccata a Pilucco…

Non avendo soldi sono stata in farmacia a comprare tutto il necessario per i pargoli…ma non per me..perchè tanto io sono forte..io non mi ammalo mai..io se sono malata, ignoro il malessere e guarisco prima...io dopo due settimane ho ancora la tosse.

5 giorni fa sono stata male malissimo, del tipo che sono appena riuscita a parcheggiare la macchina sotto casa dei miei per poi passare due ore abbracciata al gabinetto.
Ho pensato ad una ricaduta, tanto non ero nemmeno guarita del tutto.
Da allora ho un dolore intercostale fortissimo, mi uccide ogni volta che provo a tossire e la cosa non migliora di certo quando sollevo i pupi.

Ho letto di tutto in internet e ora sono molto spaventata.
Non riesco a dormire la notte perchè piango pensando "..e se morissi"?, come posso perdermi tutta questa vita? chi se la godrebbe al posto mio? come faranno loro a sapere chi ero?

Sto davvero esagerando, ma ho davvero paura

sabato 28 dicembre 2013

alla fine

Alla fine poi il colloquio non l'ho fatto.
Non sono mai rimasta a casa in cassaintegrazione e il famoso lunedì dell'appuntamento qui a Milano c'era sciopero generale dei mezzi.
Ho avvisato la domenica chiedendo di poter spostare il giorno, perché mi sarei trovata bloccata da loro senza aver la possibilità di tornare al lavoro, ma il grande capo supremo ha detto che non importava, che non c'era molta fretta, se si farà, sarà più avanti.
Comunque non è bene che una famiglia dipenda da un posto di lavoro e che lui ha bisogno di una che può lasciare a casa senza pensarci due volte…

La verità? secondo me se l'è presa perché non mi sono presentata il giorno che aveva detto lui.
Ha detto due cose sacrosante, non è mai bene che una famiglia dipenda da un solo posto di lavoro, che forse io e papino non siamo fatti per lavorare a stretto contatto(ma che ne sa??)..ma queste cose le sapeva anche prima di chiedermi di parlare..non l'ho cercato io..si è fatto sotto lui…

così sono rimasta qui…non credo che avrei mai avuto il coraggio di andarmene..ma sapere di aver un'altra opportunità mi faceva vivere un po meglio...

martedì 10 dicembre 2013

PAURA

Siamo quasi a Natale e la mancanza di soldi si fa sentire.

Oggi ho ricevuto una chiamata.
Era il capo del mio compagno che vorrebbe incontrarmi per propormi un posto da segretaria-grafica.

Ho subito avuto paura, mi sembrava di tradire il mio capo...ma allo stesso tempo ho immaginato cosa sarebbe avere un lavoro più vicino a casa, un lavoro con una collega femmina, un lavoro in ufficio e non in un laboratorio...ma non sarebbe il MIO lavoro.

non so davvero che fare..voi cosa mi consigliate?

giovedì 5 dicembre 2013

cambiamenti

è davvero difficile…non pensavo, ma stiamo andando sempre peggio.
Il lavoro c'è, ma gli stipendi non arrivano…
c'è da portare pazienza, e noi ne abbiamo un sacco, ma è davvero dura.
A livello economico è dura perché guardare il centesimo ed evitare quasi tutto sotto natale fa male, a livello mentale poi..sono davvero devastata.
Sto sempre a pensare ai soldi, al fatto che non ce la faremo, al fatto che ho sbagliato qualcosa, che avrei potuto fare altre scelte.
Mi sto esaurendo, molto spesso sono triste e non posso farci niente.

Però il natale è alle porte, abbiamo decorato la casa(l'albero quest'anno non si si fa per l'incolumità di Pilucco e dei miei nervi), messo le lucine, partecipato alla fiera del paese(bellissima!), e il clima natalizio ci sta già entrando nell'anima.

Ma oggi è un giorno triste.
triste perché dopo 40 anni abbatteranno i pini di casa dei miei genitori.
Sono cresciuta con loro, il mio gatto ci si è rifugiato più volte, gli uccellini hanno fatto ritorno tra i loro rami ogni anno, mi hanno fatto ombra e hanno fischiato quando il vento li strapazzava. Hanno lasciato per terra le loro pingette gialle con le quali io ho giocato e con le quali ha fatto in tempo a giocare anche Ponyo.
Oggi in questo momento inizia l'opera…
Sono così folle che stamattina quando ho lasciato i pargoli alle 6,30, li ho salutati e gli ho detto addio.
Mi mancheranno, i miei occhi cercheranno sempre quella presenza attorno a quel condominio, ma forse è vero, erano diventati pericolosi; l'anno scorso un ramo si è spezzato sotto la neve e per un pelo non è successo un disastro.

Sono solo alberi ma mi mancheranno…o forse sono davvero depressa come dice mia madre...

domenica 17 novembre 2013

Andando avanti

Sono stata un po assente...sopratutto per scaramanzia.
Avevo paura che scrivendo che stavo andando a lavorare, la situazione sarebbe precipitata.

Non sono superstiziosa, ma... se la mattina andando al lavoro sento Ligabue, so già che sarà una brutta giornata, se in fondo alla mia via devo dare la precedenza ad una macchina, idem... sono piccole mie credenza che mi sembra giustifichino le mie sfortune quotidiane. Per questo non ho detto nulla.

Il lavoro sembra stia tornando e abbiamo lavorato contenti di farlo.

Voglio credere che andrà tutto bene, voglio sperare che tutto si risolva, insomma voglio crederci.

Non riesco ad immaginarmi in un altro posto a fare lo stesso lavoro, o anche farne semplicemente un altro..ormai sono modellata su quel tipo di lavoro...

lunedì 11 novembre 2013

CASSA

Le cose sono precipitate e oggi ho fatto il primo giorno di cassa integrazione.
Venerdì ho abbracciato il mio capo e ho pianto perchè non sapevo se dovevo portarmi a casa tutte le mie cose, non sapevo se dopo 13 anni fosse davvero tutto finito.

E oggi sono a casa, non ho voglia di informarmi su come funzioni la cassa, non ho un curriculum e non ho idea di che lavoro dovrei cercare.

Mi sento come se mi avessero lasciata e ho il cuore a pezzi.

Mi vergogno, se la gente mi chiede perchè mai io sia a casa, dico che si è ammala Ponyo, ho vergogna a dire che sono a casa...pensate voi a come sto messa...

mercoledì 6 novembre 2013

CHE SUCCEDE?

Oggi tornando da lavoro mi è successa una cosa strana.

Ero contenta perchè il mio collega uscendo per fare una consegna poteva darmi uno strappo alla metro con il furgone.

Il sole era tiepido e mi sentivo carina perchè la sera prima ero riuscita a lavarmi i capelli(di questi tempi è una cosa di cui rallegrarsi).

Sulla banchina della metro mi si avvicinano uno spagnolo e un tedesco che mi chiedono indicazioni. Sembrava una barzelletta, ognuno parlava la sua lingua, ma riuscivamo a capirci benissimo.

Saliamo ridendo e scherzando, mi siedo e loro di fronte.

Inizia il viaggio e apro il mio fedele kindle, senza il quale i miei viaggi sarebbero interminabili, e mentre il treno se la prende comoda inizia anche a riempirsi.

A questo punto si siede accanto a me una ragazza con un buon profumo.
Poi comincia a darmi alla testa e dalla nausea non riesco nemmeno a leggere, comincio a sudare e mi gira la testa.

Finalmente scendo e penso che nel cambio di treno tutto questo passerà, ma mentre aspetto il passante la situazione non migliora.

Seduta sul treno credo che vomiterò, ho addirittura le vertigini, mi sento come se avessi bevuto alcolici e stessi male.

Non so come riesco ad arrivare a casa dei miei genitori. mia mamma mi prepara subito un te con biscotti, dice che il mio malessere dipende dal fatto che ho mangiato poco a pranzo.

Ma io ho mangiato poco perchè prima di metterci a tavola il mio capo mi ha parlato di cassa integrazione e l'appetito mi è subito passato...

era un attacco d'ansia? può essere debolezza da fame? c'è in giro un virus?

fattostà che oggi è la prima notte da quando è nato pilucco che non mi sono addormentata con i bimbi, ma sono scesa sul divano..e che fanno in tv?calcio??? era meglio dormire!

martedì 5 novembre 2013

IL NO

Pilucco è bravo, non è un segreto e non ne faccio di certo un mistero, anzi.

Però...
Però non ci capiamo quando gli dico "no"...ma neanche per sbaglio, anzi quando lo sgrido sembra che si scompisci dal ridere.

Da piccolo i miei no (che sono stati pochi essendo lui un angelo) lo terrorizzavano al punto di farlo piangere disperato.

Oggi invece è l'opposto, ride e continua a fare quello che stava facendo, anzi diventa un gioco e lo fa cercando la mia complicità...con Ponyo è stato subito chiaro cos'era un no.
come posso farlo capire a lui??

Lui che quando lo guardo arrabbiatissima e dico un no fermo e deciso, mi guardo ridendo e mi dice "NAAAAAA"

domenica 3 novembre 2013

dopo il vaccino MPR

10 giorni fa Pilucco ha fatto il vaccino MPR.
Avevo dei dubbi, li ho tutt'ora, ma mi son fidata del mio pediatra che vuole sempre il meglio per i bambini e l'ho vaccinato, come del resto avevo fatto con Ponyo..
però ora è arrivata la febbre a 39.
A differenza di Ponyo che era passata incolume da tutti i vaccini, lui qui è capitolato.
Ha la febbre alta, ma nonostante tutto gioca, mangia con meno appetito, ma mangia lo stesso.
Sono davvero le conseguenze del vaccino? mi devo aspettare altro??
Può essere la sesta malattia?il fatto che ha solo due denti e stanno uscendo i due incisivi?
Non so davvero cosa pensare..e poi perchè i miei bimbi si ammalano sempre nel week?non possono farlo in settimana quando c'è il pediatra???

sabato 2 novembre 2013

la cameretta

Ieri ho apparecchiato da sola.
Loro erano al piano di sopra in cameretta.
Li ho portati, ho chiuso bene il cancello e sono scesa.
Li sentivo ridere, giocare, ed era davvero strano.
Ad ogni rumore sobbalzavo e salivo a vedere cosa succedeva, ma hanno giocato e si sono divertiti.
Gli ho montato la famosa tenda dell'ikea

un tunnel

ed è davvero il caso di dire che erano nel tunnel el el el del divertimento o o o o...

finito di apparecchiare sono salita con la musica dello zecchino d'oro e ci siamo scatenati insieme.
Sono stati solo 5 minuti, ma si sono comportati bene e mi hanno dato fiducia.
L'unico problema?? Pilucco vuole fare le cose che fa la sorella e cerca di arrampicarsi ovunque..il mio cuore non reggerà tutti gli spaventi!

giovedì 31 ottobre 2013

la nostra zucca

quest'anno ci siamo ispirati a lui



Sparita

è da un po che non scrivo e me ne rendo conto guardando la data dell'ultimo post.
Sono successe mille cose, e altrettante ne ho già dimenticate, ma c'è una notizia che mi ha davvero sconvolta.
Qualche giorno fa mi arriva via posta di facebook un invito ad una rimpatriata del liceo, non solo della mia sezione, ma una reunion di tutte e tre, in due atti, per accontentare un po tutti.
A me non piacciono molto queste cose, quindi ho latitato un po, tenevo monitorata la situazione leggendo tutti i messaggi di chi partecipava e chi no, ma non mi sono fatta viva.
Poi in un messaggio qualunque leggo:
Avete saputo di S.?
è stata una cosa bruttissima, ieri c'è stato il funerale.

Per me è stata un doccia fredda.
Non era in classe mia, quindi non me la ricordavo bene, il nome mi suonava familiare, ma non riuscivo a mettere a fuoco il viso.
Così ho inserito il nome su FB e mi si è aperta la sua pagina.

Dopo averla vista mi è tornata subito alla mente, non eravamo mai state amiche (anche per in quel caso me la sarei ricordata), ma ci si scambiava sempre qualche battuta quando ci si trovava nei bagni a fumare.

Nell'immagine di copertina era abbracciata ad un bimbo di 5 anni. il suo bimbo. il suo bimbo che non avrà più una mamma. il suo bimbo che a poco a poco non ricorderà la sua fisionomia e il suo odore.

Non riesco a darmi pace, ci penso sempre.
Io ho paura di morire, paura perchè non potrei veder crescere i miei bimbi,  paura perchè non potrei aiutarli nel momento del bisogno, paura di esse dimenticata, ed è una cosa che mi sta togliendo il sonno.

domenica 6 ottobre 2013

Enuresi notturna

Ponyo ha tolto il pannolino a 20 mesi, è stata bravissima, pochissimi incidenti e tanta tanta soddisfazione.
Però di notte non c'è niente da fare.
Ho passato tutta l'estate a svegliarmi e a svegliarla per fare pipì...ma se tardo il lago è assicurato.
Pensavo che l'estate sarebbe bastata per far allenamento, invece ancora non ci siamo..
Ora che arriva il freddo e che non posso fare mille lavatrici la cosa mi impensierisce...
CHE FACCIO?
La lascio scoperta a congelare nella sua pipì? devo continuare a svegliarla si notte proprio ora che dopo tre anni ha cominciato a dormire tirata?
Faccio un passo indietro e le metto il pannolino a mutandina?
Voi come avete fatto?

venerdì 4 ottobre 2013

FRAGILE

L'asilo va davvero bene, dopo un primo malanno e qualche lacrimuccia perchè "la nonna mi manca un sacchissimo", tutto sembra procedere alla grande.
Ormai fa tempo pieno da due settimane e sembra assurdo, ma la vedo già più grande.
Mercoledì ha fatto pure la sua prima festa dei nonni all'asilo, a cui sono stati invitati solo i nonni e di cui io ho visto un video molto molto scadente..e per questo ho avuto un concerto in privato in bagno :)
Però...però mi avevano consigliato di portare un pupazzetto per fare la nanna, Ponyo ha il letto pieno, ma non li guarda mai. Invece ora quello dell'asilo è diventato INDISPENSABILE.
La nonna l'altro giorno è dovuta tornare a prenderlo perchè l'aveva dimenticato a casa. ma da quando???
Poi a casa sembra molto più gelosa di Pilucco, vuole stare in braccio e vuole solo me. Non vuole nemmeno che papino cambi canale, tutto io, solo io, sta sempre con me, da quando rientro dal lavoro a quando la riporto dai nonni.
Possibile che l'asilo la renda più fragile e non  più forte?

martedì 24 settembre 2013

il bisogno di aiuto

Mentre scrivo questo post la mia mente continua a rimuginare...

Non so cosa posso fare e vorrei anche il vostro aiuto.

La mia azienda va male, ma stiamo cercando di tirare la cinghia per poter sopravvivere.

Per mia fortuna avevo una piccola somma messa da parte per le emergenze e mi sono attaccata a questa per galleggiare, ma...

Con me da 10 anni lavora anche N.

N. è nato in Sri Lanka, l'ho vista crescere professionalmente, abbiamo risolto casini e lavorato bene fianco a fianco, l'ho visto sposarsi e fare una famiglia, l'ho visto rialzarsi dopo che ha saputo che suo padre sia era mangiato i suoi risparmi sudati qui in Italia, gli ho visto fare due lavori, mangiare un pacchetto crackers a pranzo, gli ho visto fare l'uomo delle pulizie e servitù per le signore della "Milano bene".

Ma ora lo vedo distrutto. Lui non ha soldi da parte, a dicembre porta la famiglia in Sri Lanka e torna in Italia da solo, non immagino nemmeno in che condizione sia il suo cuore.

Ieri ha chiesto alla contabilità per l'ennesima volta se potevano informarsi sugli assegni familiari, perchè ne avrebbe davvero bisogno.
Glia hanno detto di andare all'Ines, e dall'inps l'hanno rimandato indietro senza risposte, è andato all'acli, al patronato e tutti gli dicono che ci deve pensare il datore del lavoro.

Io non ne so niente di assegni familiari, ne tantomeno a chi spettino o come si fa a richiederli.
Voi ne sapete qualcosa?
potrei chiederli anch'io visto che ora va tutto male?

lunedì 23 settembre 2013

1 anno

Oggi è il compleanno del mio bimbo!
Siamo già ad un anno..
Vorrei regalargli tutto ciò di cui avrà bisogno per diventare grande, vorrei metterlo in guardia dai pericoli che dovrà affrontare, vorrei renderlo così forte da non rimanerci male mai..ma so che questo non è possibile e che la sua vita sarà una fantastica avventura con alti e bassi.
Però vorrei che sapesse che sarò sempre pronta a sorreggerlo, qualunque cosa accada, che il mio amore per lui non muterà mai, perchè è un miracolo, il mio miracolo, e non smetterò mai di amarlo.

é ancora così piccolo, ma al tempo stesso è un ometto, cammina, sgranocchia, mi chiama mamma, mi abbraccia e mi sorride con quella boccuccia sdentata!

Da bravo maschio quale è adora le palle, i trattori e le moto, anche se la passione più grande sono i cani!! e la sua mamma!

auguri amore mio

domenica 15 settembre 2013

POSSIBILE??

A 4 giorni dall'inizio dell'asilo, e in questi ci metto anche il sabato e la domenica, Ponyo ha il raffreddore e la tosse...POSSIBILE?
basta così poco?
Sono totalmente inesperta in malanni e con il fatto che è domenica, il pediatra non mi risponde nemmeno al telefono.
Se non ha la febbre, ma solo tosse e raffreddore può andare all'asilo?
Cosa le posso dare per aiutarla?
Il suo nasino sembra una fontana.
Devo "arrabbiarmi"con l'asilo o con i miei suoceri che probabilmente le hanno fatto prendere freddo?
Sapevo che questo momento sarebbe arrivato, ma sono del tutto impreparata, pensavo che avrebbe almeno finito l'inserimento, non così presto.
è sempre stata una bimba così forte che vederla così mi fa tenerezza.
cosa devo fare?voi che rimedi usate?

sabato 14 settembre 2013

ASILO

I primi due giorni sono andati.
Ponyo ha iniziato giovedì con grande entusiasmo.
Il primo giorno ha fatto dalle 9 alle 11 giocando con i bimbi, ma con me presente nella stanza.
Ho pensato"se è così, è davvero una passeggiata",
ma tutte le mamme mi hanno messo in guardia:
"non cantare vittoria troppo presto, magari è così serena solo perchè sa che ci sei".

Così il secondo giorno l'ho portata sapendo che me ne sarei dovuta andare.
Avevo già assistito il giorno prima a scene strappa-cuore, bimbi inconsolabili che chiedevano di essere riportati dalla mamma, con lacrime così grosse da riempire gli occhi e il cuore.

Se Ponyo fa così, spero di non vederla mai, sarebbe troppo straziante!

Dicevo, che il secondo giorno aspettavo che la maestra mi dicesse quando me ne sarei dovuta andare.

Ponyo avevo già preso posto e pennarelli accanto alla sua nuova amica S., che un po più timorosa voleva accanto  la sua mamma.
La mamma di S. spiega dolcemente che sta per andare al lavoro e Ponyo dice:
"anche la mia mamma è andata a lavorare."
La mamma di S. dice:"guarda che la tua mamma è la"
lei si gira mi corre incontro e mi dice:"mamma vai a lavorare, ci vediamo dopo"

ecco, sono stata mandata a lavorare!

Due ore dopo sono andata a prenderla, era serena e davvero contenta, la maestra mi ha detto che è stata bravissima.
Le è piaciuto tanto e non vede l'ora di tornarci.

vedremo se lunedì che tocca alla nonna l'entusiasmo sarà ancora alto.

incrociamo le dita

lunedì 2 settembre 2013

MA TU DI CHI SEI???

Ponyo ama la natura e i suo abitanti.
Tutti , ma proprio tutti.
Ama cani, gatti, farfalle, ragni, cavallette, mantidi religiose...e tutti gli altri insetti.
quando ero piccola e innocente, anch'io, ma ora ho il terrore delle cavallette...e non solo!



Solo a caricare la foto mi vien la pella d'oca!

Credo sia colpa del film "indiana jones e il tempio maledetto"



Adoro indiana jones, ma l'immagine di lei mette la mano in quella fessura, crede di rompersi un unghia e tira fuori un insetto stecco, popola ancora i miei incubi.

L'altro giorno però eravamo al parchetto, da lontano un chilometro ho visto una cavalletta verde quasi fluorescente e ho detto:
Ponyo vieni vieni che ti faccio vedere un animale.
manco le avessi detto che le stavo per comprare un gioco!
è corsa subito tutta emozionata.
Appena l'ha vista l'ha presa delicatamente in mano e ogni volta che volava cercava di accarezzarla..

Io ero terrorizzata, ma al tempo stesso mi chiedevo come mai lei non avesse paura...
Sono contenta di non averle trasmesso questa mia insicurezza, ma al tempo stesso penso: non sei troppo spavalda?

Poi sono corsi anche tutti i suoi amichetti che armati di bastone volano ucciderla...e i genitori niente!
Ho dovuto difendere una cavalletta...IO!!

Per non farci mancare nulla al ritorno abbiamo anche visto un mantide religiosa, ma non l'abbiamo toccata per non disturbarla (lei l'avrebbe toccata!!)

venerdì 30 agosto 2013

premio dell'amicizia


Ringrazio di cuore mamma manager che mi ha citato con il premio dell'amicizia!
raramente mi è capitato di vincere un premio, quindi lo prendo volentieri.
Devo dire 7 cose di me..che sono un sacco di cose per una che si sbottona sempre poco

1 sono molto riservata, a volte sembro scontrosa, ma tutto dipende dal fatto che sono un po timida ed insicura

2 mi piace il blu, è il colore che più mi si addice..un po anche il viola

3 mi piace un sacco essere mamma, non credevo che questo ruolo mi calzasse così a pennello

4 amo la natura, gli animali e le scampagnate

5 mi piace nuotare

6 mi piace leggere. leggo un sacco. Ora che ho il kindle e lavoro lontano mi "ammazzo"di libri

7 disegno, sopratutto acquerelli, ma sono almeno tre anni che non prendo in mano un pennello...

8 non ho gusto per la moda

9 non so guidare senza cantare, non importa cosa o come

10 adoro Miyazaki. So che sono grande ed ho una certa età, ma non so resistere al fascino dei suoi disegni.

Ora che ho cominciato a scrivere non smetterei più!!!

sopratutto visto che dovevo dirne 7 e ne ho scritte 10

giovedì 29 agosto 2013

SCUSI, VUOL BALLARE CON ME?...GRAZIE PREFERISCO DI NO

Uno degli eventi più divertenti dell'estate è successa il 14 agosto.
Nel nostro albergo si festeggiava il ferragosto con cena ricca e serata danzante con sangria in cortile.

Ma torniamo indietro al giorno prima.

Ponyo non ama andare a letto, MAI, è una bambina instancabile, ma è pur sempre una bambina, quindi in un modo o nell'altro la intorti.
Una volta lavati i denti e messo il pigiama le dico:
vieni a salutare la luna che andiamo a dormire?
Lei adora la luna, la cerca anche di giorno e passa molto tempo ad osservarla, non so come sia possibile, ma è una che ho sempre fatto anch'io,ma di cui non le ho mai parlato.

Uscendo sul balcone il suo sguardo non va dritto in cielo, ma indugia all'angolo della strada da dove arrivano riflesse delle luci verdi-rosse che fanno dei disegnini (tipo discoteca per intenderci).
Si diverte un mondo , non riesce a staccare gli occhi e fatico a trascinarla a letto.

Tutto questo per dire cosa è successo il giorno dopo.

dopo cena Papino e Ponyo vanno subito in cortile, mentre io mi attardo con Pilucco in ascensore.
Sento che la musica comincia e una voce di donna intona "total eclipse of my heart".
Verso la fine della canzone riesco a raggiungere il cortile e vedo solo papino.
"dov'è Ponyo?"
mi indica una sedia in prima fila e lei è lì composta che non toglie gli occhi di dosso a quella donnona che canta con la musica a palla, a cui hanno sparato in faccia le luci verdi-rosse.
Si, un discoteca portatile! e come la sera prima lei è incantata!

Poi ad un certo punto Ponyo si alza e comincia a ballare..DA SOLA... davanti a tutti, gira, gira si siede per terra e si rotola.. poi la canzone finisce, ma quando comincia la successiva lei riattacca a ballare.

Se voi mi conosceste di persona, sapreste esattamente che io mai ballerei in pubblico, lo facevo giusto all'alcazar dopo un gin lemon..se no nisba!

Siamo sicuri che questa sia mia figlia? da chi ha preso?

Dopo un po comincia la baby dance. Lei continua perchè adesso ballano anche altri bimbi e anche se lei è la più piccola non vuole essere da meno.

A questo punto comincia il trenino, ma Pilucco ha sonno e io rientro nella hall per farlo addormentare.

Lei non vedendomi un po si spegne, segue i bimbi, ma non balla più..

Una volta addormentato lo passo a papino che è felice di andare in camera a vedersi la fine della partita e io vado dalla mia bimba.

Lei mi corre in contro, mi salta in braccio e mi urla:
"mamma, balli con me?"

I suoi occhi sono grandi, sono esattamente come i miei, sono l'unica cosa che ha preso da me, brillano e il suo sorriso è limpido. è felice e si vede
"certo amore mio, balliamo"
e cominciamo a volteggiare sulle note delle tagliatelle di nonna pina, senza gin lemon, senza vergogna di essere giudicata, solo con la felicità nel cuore.
Non dimenticherò mai quella sera e la felicità con cui mi ha chiesto di ballare..
i figli cambiano la vita..e anche molto di più...

mercoledì 28 agosto 2013

mi dai il ciuccio PERFAVORE?

Sono convinta che andare al mare si stata una mossa vincente per lasciare il ciuccio, perchè nel mix di emozioni di essere in un posto nuovo, la mancanza della tettarella si è un po persa via.
Solo la prima notte me l'ha chiesto...
Con gli occhi grandi che a breve si sarebbero riempiti di lacrime, mi ha guardato e mi ha detto:
MAMMI, a me il ciuccio mi manca molto, me lo dai perfavore??
Giuro che se l'avessi portato in vacanza gliel'avrei dato, chissenefrega della coerenza e di tutto il resto, dovevate vedere quegli occhi!!!!
da allora non l'ha più chiesto..ogni tanto mi chiede se può ciucciare il latte come Pilucco, ma poi ride e dice che scherzava..che sia davvero la fine dell'era ciuccio??

lunedì 26 agosto 2013

hysteria



Adoro questa canzone, è stato amore al primo ascolto, come tutto il resto dell'album, ma mai pensavo che mi sarebbe venuta in mente di notte.

Parlo di Ponyo, stanotte si è svegliata urlando...è partita piano, come questa canzone e poi è stato un crescendo di capricci e di urla inspiegabili...sembrava posseduta!

non la sipoteva toccare, non andava bene niente, non potevo scendere dal letto a sinistra, non potevo toccare suo fratello, se mi alzavo dovevo risedermi, se camminavo dovevo stare ferma. Poi si è fatta la pipì addosso e da lì è partita un'altra tragedia per cambiarsi.

Me l'ha fatto anche l'altro pomeriggio, dal panettiere non le ho comprato la focaccia e ci è rimasta male, ha cominciato a mugugnare, poi a frignare e alla fine si è trasformata in un mostro urlante.

grida fortissimo, non importa che ore siano, e la cosa nasce da banalità...

è perchè le ho tolto il ciuccio?
è perchè la sgrido?
è perchè ha tre anni?
è perchè è gelosa?
PERCHE'??

aiutatemi, ho bisogno di dormire

domenica 25 agosto 2013

i temi difficili

Un giorno io e Ponyo abbiamo trovato un uccellino morto a casa della nonna.
Dopo varie domande mi ha chiesto anche:
perchè non si muove?
io le ho risposto:
perchè è morto, vuoi che lo sotterriamo e diciamo una preghierina?
e in questo modo pensavo di aver archiviato la questione.

Solo che ieri, mentre eravamo dai vicini per un ghiacciolo, un apona è entrata in una lampada per zanzare e si è "cotta".
lei dopo averla osservata per bene mi ha detto
mammi, l'ape è morta..
e poi è corsa a giocare.
Solo che dopo un po, una folata di vento ha fatto muovere l'ape che ha ricominciato a "friggere".
Ponyo mi guarda e mi dice: adesso arriva la sua mamma, le mette i cerotti e guarisce...

ecco io non ho risposto niente perchè non sapevo cosa dire...
è troppo piccola per affrontare certi temi..
voi come fate?

mercoledì 21 agosto 2013

un mix tra vacanza e cacanza

Siamo andati e tornati da Cesenatico e la mia pelle presenta un lieve segno del costume (ma molto leggero nè?)

Siamo tornati nello stesso albergo dell'anno scorso, non ci era piaciuto nemmeno allora, ma si sa, il tempo sbiadisce un po i ricordi e ci siamo ricascati anche quest'anno.

Niente di orripilante, ma da clienti "affezionati" pensavamo di essere trattati un po meglio, diciamo che un sorriso poteva bastare, ma niente!!

L'albergo è comodo perchè è davvero in riva al mare, sulla passeggiata piena di giochi, e si mangia bene(forse pure troppo!)

Ponyo ha ritrovato le sue amiche dell'anno scorso, i giochi, gli scivoli e quel mare che lei chiama "il mio mare", che a noi grandi non fa impazzire.

Ha nuotato saltellato in acqua, fatto castelli di sabbia, dormito senza mai chiedere il ciuccio(il primo giorno si).

Pilucco ha amato il mare a prima vista, ma la sabbia un po meno, ci ha messo un po a capire che non era commestibile, ha digiunato per tre giorni di fila e ha avuto la prima febbre! si la febbre!

Quando leggevo negli altri blog che i bambini si ammalavano in vacanza sorridevo tra me e me pensando che io sono molto fortunata, perchè i miei bimbi non si ammalano mai..ecco:PUNITA ben mi sta!
Il 13, compleanno di sua sorella, Pilucco ha 38,5 di febbre, non sono i denti, non è influenza..insomma non è niente, il giorno dopo  è tutto passato, ma da li in poi ciuccerà tetta, mangerà prosciutto cotto e grissini.

Una settimana passa in fretta e siamo già qui...non ho nostalgia del mare come da piccola, ma ho nostalgia di essere servita e riverita!

lunedì 19 agosto 2013

Il Ponyo compleanno

Anche quest'anno il Ponyo day è quasi terminato, dico quasi, perchè essendo nata il tredici agosto lei festeggia da quel giorno fino quasi a fine mese.
Con noi festeggia il 13, il 15 le facciamo credere che tutti festeggiano il suo compleanno, al ritorno dal mare abbiamo festeggiato con i nonni materni e a fine mese festeggeremo con i suoceri... speriamo che non si accavallino festeggiamenti con il fratello che li fa a fine settembre!

Un po mi dispiace che festeggi gli anni in agosto, quando tutti sono via, però non posso nemmeno farmene una colpa, io l'ho cercata mesi e mesi prima, è lei che si è fatta attendere troppo!!

Il compleanno è passato senza troppe aspettative, Ponyo è ancora troppo piccola, ma le è piaciuto!

Sapevo che lo zio aveva una bambola che aspettava di essere aperta al ritorno, che la nonna aveva una valigetta del dottore e che il nonno aveva una lavagnetta magica, così sono andata sul sicuro: LIBRI!

Papino dice che sono noiosa, ma io li trovo belli e utili..e a Ponyo piacciono!

i primi li ho scovati leggendo i vostri blog:

sono il mio amatissimo OH-OH




lo adoro, lo avevamo preso in biblioteca, ma non potevamo più farne a meno...
l'unica cosa negativa??? sono convinta che avrei potuto disegnarlo anch'io, è uno stile che adoro e che uso spesso anch'io!

poi c'è: A SPASSO COL MOSTRO
che guarda guarda, piace anche al papà!


e infine, più che un libro delle schede della husborne:


le trovo molto belle e ben fatte, è divertente completare i mostri, fare loro le facce, disegnare ragni, poi il pennarello si cancella e si ricomincia a giocare!

sabato 10 agosto 2013

ma va là...

la sera sembra che la mancanza del ciuccio la scompensi veramente, ma piano piano stiamo trovando un nuovo equilibrio.
Piange ancora ovvio, ma ieri sera solo per 15 minuti, anche se sembrano un eternità.

Non oso immaginare cosa faccia il pomeriggio con i nonni cuore di burro, devono davvero sentirsi annientati da questo stare male, ma sono davvero convinta di farlo per il suo bene.

Stanotte ha addirittura dormito tutta la notte. Non era mai successo, si era sempre svegliata perché perdeva il ciuccio, ma stanotte no. (anche se comunque in un certo senso il ciuccio l'ha perso anche stanotte).

Mi fa anche tenerezza Pilucco che nel casino generale non sa che fare.

Guarda Ponyo e le sorride, non capendo che rischia grosso ad interagire con la sorella in versione demone.

Ma nonostante tutto, lui, arrivato al suo orario, crolla.

Speriamo che in vacanza le cose siano più soft..ho paura che ci odieranno tutti in albergo...
Sabato saremo lì ed io non vedo l'ora.

Andiamo a Cesenatico, probabilmente l'ho già scritto, ma ieri ho controllato il meteo e ho visto che settimana prossima pioverà.
Ci credete che ho pianto??? mi sono sentita in colpa perchè ho prenotato in una settimana di mal tempo..ditemi voi se non ho davvero bisogno di una vacanza!!!

venerdì 9 agosto 2013

TORNERAI CIUCCIO??

Non so dire se va bene o male.
Ieri ha saltato la nanna del pomeriggio perchè non aveva il ciuccio.

non era mai successo, sapevo che poi sarebbe stata intrattabile, ma so anche che è una testona e se dice che non vuol dormire non dormirà.

Il pomeriggio lo abbiamo passato a casa di mia cugina che ha un bimbo di 20 mesi e per l'occasione ha gonfiato la piscinetta.

Si sono divertiti un sacco hanno riso e giocato..e si sono stancati.

alle 19 l'ho messa in macchina e ha cominciato a rognare:
"io voglio stare dai nonni
io voglio andare a casa
io voglio andare al parchetto"
"VOGLIO IL CIUCCIO"

"Ponyo lo sai che ho dimenticato il ciuccio dal dottore, ed ora è chiuso, il ciuccio non c'è più"
non mi va di dirle che è stato il dottore a prenderle il ciuccio, non vorrei mai che associasse il dottore ad una cosa cattiva e facesse una tragedia nel momento del bisogno.

Più mi avvicinavo a casa più diventava isterica.
Dopo aver parcheggiato non ne voleva sapere di scende.
poi non voleva salire in casa
e nel mentre urlava come un'isterica.
poi è successo

mentre si dibatteva mi ha tirato una sberla in piena guancia.
ho sentito male e mi è quasi venuto de piangere, l'istinto del vissuto mi diceva di ridargleila con gli interessi, ma ho deciso di cambiare la mia storia e rimango fedele alle mie decisioni.

Così l'ho presa di forza e l'ho messa in castigo in casa.

Ha pianto e l'ho lasciata sbollire.

Ad un certo punto ancora singhiozzante ma più calma, mi ha raggiunta sul divano ed è voluta venire in braccio.

Le ho detto che ero triste e che mi aveva fatto molto male, le mi ha dato un bacino e si è addormentata tra le mie braccia.

erano le 19,15.

l'ho messa a letto, un bimbo non muore di fame se non mangia la sera.
alle 21 si è svegliata per bere, alle 4,30 per fare pipì e per chiedere il ciuccio.

Ci siamo coccolate un po e alle 6,30 quando l'ho portata dai miei stava dormendo.

Spero che oggi pomeriggio vada meglio

giovedì 8 agosto 2013

bye bye ciuccio

è sucesso che ieri siamo stati dal pediatra per il tagliando dei pupi.
Pilucco 9,5 kg per 73 cm
Ponyo 13 kg per 98 cm.

Stanno bene e sono in forma.

Ad un certo punto il pediatra mi ha chiesto:
"ci sono cose che mi deve chiedere?dubbi?"
io:"no, l'unica cosa è:come facciamo con il ciuccio di Ponyo? ne ha trovato uno in casa a 15 mesi e da allora fa la nanna con lui"
il pediatra ha risposto:"Ponyo è abbastanza grande per lasciarlo qui e dormire senza"

Lei ha strabuzzato gli occhi, ma non ha dato molto peso alle parole del dottore.

Pensavo di toglierlo dopo la settimana al mare, senza fretta, ma in maniera decisa.

Il caso ha voluto però che quel giorno il ciuccio me lo sia dimenticato a casa, e che abbia dovuto far la nanna senza.

Tornata dal lavoro mi son sperticata in lodi:
ma come sei brava che hai fatto la nanna senza ciuccio
ma come sei grande
ma come sei qui, ma come sei li...

le mi ha guardata con gli occhi lucidi e mi ha detto:
"non dirlo!non dirlo! io non son brava, voglio il cuiccio!!!buaaaa e si è messa a piangere.

Sarei potuta andare a casa riprendere il ciuccio e posticipare l'avvenimento a dopo le ferie come avevo programmato, ma poi ho pensato:e quando mi ricapita un occasione così? non si torna indietro, ho chiamato papino e gli ho detto di far sparire il ciuccio.

la sera lo ha cercato e ha fatto un po di storie per addormentarsi, ma non più di tanto. Dopo la favola le ho fatto un po di coccoline ed è partita...
MA..alle 2 si alza a fare la pipì e non trova il ciuccio...TRAGEDIA...
tra pianti, sighiozzi, e calcioni abbiamo tirato le 3,30 e poi si è riaddormentata...

non ho idea di come andrà oggi...ma ho paura..
e se stessi sbagliando?e se Ponyo non fosse pronta?da come lo capisco che è il momento?

mercoledì 7 agosto 2013

cos'è un trentenne

leggendo i blog stamattina, mi sono imbattuta in questo.
Inizialmente avevo letto "cos'è un treenne", ed essendo Ponyo a ridosso del compleanno ho drizzato le antenne..solo questo vi dovrebbe bastare per capire che razza di trentenne io sia...
Sono esattamente a metà..35..un bel numero.
Non è come mi immaginavo sarebbe stato. Pensavo che sarei stata una donna in carriera, sempre in viaggio, con un marito che mi inondava di regali.
In alcuni casi sognavo una casa con una cucina immensa, con la penisola, piena di bambini dai 2 ai 14 anni...
Ecco, credo che tutto questo dipenda dalla tv che vedevo da piccola. Solo nei telefilm americani ho visto cucine così grandi e famiglie così numerose..e così tanti lieti fine!!! ma forse era per compensare la sfiga che avevano gli orfani dei cartoni animati che ci guardavamo da piccoli.

Penso che i trentenni di oggi siano dei gran nostalgici, ci perdiamo le serate nel rivangare i ricordi, le scorribande in compagnia, tutti in motorino in due senza casco, senza cellulare, senza internet.

Tutto sommato però ce la caviamo bene.
A trent'anni so utilizzare il computer, anche se quello che possiedo a casa è della ditta per cui lavoro.
internet mi piace, anche se dopo un po non so davvero più che cosa cercare.
non uso le app e non gioco a giochini on line
Ho una casa con un mutuo che ora faccio fatica a pagare, ma non ho avuto bisogno di garanti all'epoca.
ho due figli che vengono curati dai nonni a tempo pieno(non potrei mai farcela senza)
credo che non arriverò mai all'età della pensione.
A trent'anni ho fatto abbastanza cavolate da reputarmi abbastanza matura.
Ho fatto sesso per il gusto di farlo, anche se fare l'amore con il mio compagno mi appaga di più.
A trent'anni sogno ancora tanto, anche se i miei sogni si sono adattati alla mia età.
Mi sopporto un po meglio, non mi piaccio ancora del tutto, ma non mi odio come a 16 , anche se i pantaloni mi stavano meglio a 25 anni.
A trent'anni vorrei un futuro per i miei figli e non più solo per me.
Ho meno amicizie in giro, ma le amiche che ho sono vere.
a trent'anni sono felice, anche se mai mi sarei immaginata così

venerdì 26 luglio 2013

Acquario

Ieri siamo stati qui

Chissà perchè me lo ricordavo molto più grande...forse ero io ad essere molto più piccola
é stato un bel giretto anche se era pieno di bimbi urlanti e Ponyo si perdeva un po via (stava dietro ai bimbi e non ai pesci!)


e poi siamo passati davanti al Castello Sforzesco...che io personalmente adoro

giovedì 25 luglio 2013

caldo

è un po che non scrivo, ma ho i miei buoni motivi.

Il fatto è che ho davvero pochissimo tempo, quindi apro il blog, leggo tutti i vostri aggiornamenti e poi non mi rimane più tempo per scrivere!
eppure di cose ne avrei mille da dirvi.

Da martedì sono a casa, mia mamma mi ha chiesto se "poteva andare in vacanza"...mi ha chiesto il permesso capito? ma da quando i ruoli si sono invertiti?
e poi, mi tiene i pargoli tutto l'anno, potrei mai dirle di no??

e così eccomi a casa, pranzo con mio padre e mi godo i miei pupetti.
Sì, mio padre è a casa, a lui non piace andare in vacanza, così mia madre è andata una settimana con le sue amiche dell'oratorio (lo so che sembra strano, ma discuterne meriterebbe un post a parte)

Io sono contentissima di stare a casa, mi sento veramente una mamma migliore quando me li vivo senza la stanchezza del lavoro, siamo sempre di corsa, ma è tutta un altra cosa.

Comunque, ho provato a chiedere a papino se voleva stare a casa lui e goderseli un po, visto che con Ponyo ultimamente non va molto d'accordo o se volevano tenerli i miei suoceri..

ma papino deve assolutamente lavorare (perchè io no?, non è che il mio è un lavoro facoltativo...)

e i suoceri dovevano per forza ripartire sabato per tornare al mare...
quindi non li vedono mai, piangono perchè non li hanno, ma quando ho bisogno si dileguano tutti.

MA CHI SE NE FREGA

Poi abbiamo prenotato per il mare..
una settimana a Cesenatico.
Soldi ce n'è pochi,ma il lavoro ancora c'è ancora, se succede che non ci sarà più l'anno prossimo non andremo in vacanza, inutile fasciarsi la testa prima.

quindi il piano della suocera di andare tutti insieme in vacanza è miseramente fallito.

Ponyo ha ripreso a bagnare il letto di notte io non so che pesci pigliare..mi devo puntare la sveglia all'una e fargliela fare tutte le notti??ma è così che impara??

e poi ha preso a fare i capricci che i terrible two a noi ci fanno 'na pippa.

il caldo ci opprime e passiamo tutta la giornata ai parchetti o in giro pre fattorie\zoo\acquari! se Ponyo non avesse avuto la passione per gli animali le sarebbe venuta adesso!
e in tutto questo Pilucco ci segue pacifico, buono, contento di vedere sua sorella e stranito nell'avere la la mamma anche di giorno

venerdì 28 giugno 2013

fine primo tempo

e come se fosse un bel film questo week tornano i suoceri..
dovrebbero fermarsi una settimana e ripartire...
un intervallo...
poi non vedo l'ora che cominci il secondo tempo!

giovedì 27 giugno 2013

auguri papino

questa settimana è stata una settimana di festa per noi,papino ha fatto gli anni e visto che i suoi sono al mare noi ce lo siamo coccolato per benino.
La sua famiglia si è dimenticata di fargli gli auguri..io non ho commentato, ma lui ha trovato scuse per tutti.
I suoceri sono al mare, non sanno che giorno è...
Il fratello lavora tanto, quindi gli sarà andar via di mente...

Sarà come sarà, io che sono un po perfida, ho pensato a tante cose brutte!

è stato un giorno normalissimo, ma fatto di coccole, di attenzioni e di tanto amore.

"Spero che tu sia sempre felice, con me, con noi, con te stesso, perchè sei la parte migliore di me e sai placare i miei "tormenti"
tanti auguri papino, ti amo tanto"

mercoledì 26 giugno 2013

LE GRANDI

Da quando abbiamo ripreso ad andare al parchetto il pomeriggio, Ponyo si è innamorata di un gruppo di bimbe di 8 anni.
L'hanno presa in simpatia e se portano in giro in lungo e in largo...Solo che lei non ha otto anni, quindi non può andare dove le pare senza avvisarmi.

Anche perchè non mi va di fare il carabiniere e starle attaccata, nel frattempo io e Pilucco ce ne andiamo sull'altalena, sullo scivolo e gattoniamo, quindi non le sto fisicamente accanto.
Ho cominciato a sviluppare la vista del falco, la seguo con lo sguardo attraverso le piante e un orecchio bionico con cui cerco di cogliere i discorsi che fanno.

So che è piccola e che parlare di essere indipendenti è presto, ma mi piace che faccia le sue scelte e che si senta libera in un contesto chiuso come il palchetto..quindi libera fino-ad-un-certo-punto.

All'inizio correva dietro a queste bambine e non mi chiamava, ma poi le ho detto che se voleva continuare a giocare con loro doveva avvisarmi, e ora mi dice se va alla fontanella o dietro l'albero o allo scivolo.

La vedo sempre, non la perdo mai di vista, nel parco non ci sono nascondigli, ma mi è sembrato giusto porre dei paletti a questa sua libertà...

è sbaglaito? le sto dando troppa responsabilità? Sono bambine troppo grandi?

martedì 25 giugno 2013

PILUCCO

nove mesi e due giorni.
Il mio Pilucco ha vissuto lo stesso tempo fuori e dentro la mia pancia..
Che dire?è amore allo stato puro! adoro la sua boccuccia a papera, ancora senza denti, che dispensa sorrisi a chiunque.
amo il modo tutto suo che ha di gattonare, la sua voglia di camminare e la sua passione per le palle!
ti adoro piccolo grande uomo

lunedì 24 giugno 2013

ASILO CHE PASSIONE

La settimana scorsa siamo andate all'asilo per cominciare a familiarizzare con l'ambiente e conoscere le maestre.
Ponyo non stava più nella pelle, continuava a chiedermi se poteva entrarci anche questa volta e se poteva giocare.
La mia risposta affermativa l'ha mandata letteralmente in visibilio!

Ci hanno fatto aspettare un po fuori e l'attesa sembrava non finire mai..ma sopratutto per noi mamme che volevamo sederci all'ombra!
Appena entrati nel salone ci hanno accolto i bimbi dell'asilo delle tre classi e hanno cantato una canzone di benvenuto.
Ci è mancato poco che mi mettessi a piangere!

Ci hanno dato un regalino, e dopo aver mangiato una caramella siamo andati in classe.
Noi siamo gli azzurri e siamo con la maestra E. che mi è piaciuta da subito!
Ponyo non mi ha nemmeno aspettata, si è messa dietro la maestra, ha dato la mano alla prima della fila (in diverse occasioni ha cercato di superare tutte e due, ma non sapendo dov'era la classe ha dovuto aspettare)ed è salita.

Arrivata in classe ha giocato senza mai degnarmi di uno sguardo, giocava con S. (anche lei nuova) e cercava l'attenzione delle GRANDI.
Ad un certo punto la maestra ha detto di rimettersi tutti in fila che si andava in giardino.
Ho visto Ponyo entrare nel panico, mi guardava e non sapeva che fare..

"dai che vai in cortile, spicciati"
"mamma non posso, non ho messo in ordine"

ma che carogna!chissà perchè a casa ogni tanto devo ricattarti per farlo e ora...

Poi la maestra dice "Ponyo non ti preoccupare, oggi riordinano i grandi vieni che scendiamo"

Così si sono catapultati in giardino, dove c'erano 40 gradi, nemmeno un filo d'orma, ma giochi a volontà e scivoli su cui arrampicarsi.

è stata brava, non mi ha mai cercata.

La maestra mi ha chiesto :"ma davvero non è andata al nido???"

e fatemi gongolare un po ora, mi si è gonfiato il petto d'orgoglio per questa mia monella che in giro sa davvero essere brava!

Poi è arrivata l'ora di andare, Ponyo sarebbe rimasta volentieri a mangiare..ma siamo tornati dai nonni.

Le è piaciuto davvero tanto, speriamo che a settembre vada così liscia o per lo meno sia indolore.
Speriamo, le buone premesse ci sono.

venerdì 14 giugno 2013

vacanze

il lavoro va malino, abbiamo diminuito gli stipendi per poter tirare avanti tutti, ma..

Ma i soldi non bastano.

avevo promesso a Ponyo che saremmo andati al mare, ma ora come ora mi sa che non potrò tener fede alla mia promessa.

ma partiamo dall'inizio

i miei suoceri sono partiti per la casa al mare in Abruzzo(grande gioia e gaudio!), tornano tra 2 settimane (ma perché???non ti sanno rispondere), stanno a Milano 1/2 settimane e ripartono.
Ho smesso di fare domande a cui non vogliono rispondere, così dopo la prima volta in cui ho chiesto: "ma chi ve lo fa fare di tornare per poi ripartire?" a cui non ho avuto risposte, ma anzi un'occhiataccia, mi sono totalmente disinteressata delle loro vacanze.

La settimana prima di partire continuava a dirmi che non potevo capire che stress fosse dover partire per le vacanze, che non ne poteva più, ma chi glielo faceva fare, tutta quella strada..
io mi guardavo attorno in cerca di una telecamera che mi stesse facendo una candid camera..
mi prendi per il c°°o? sei stressata dalle vacanze???
Papino gli ha anche confidato che noi siamo un po nelle canne con i soldi e che forse non andremo al mare, quindi non doveva fare tanto la lamentosa.

Alle 17 suona il telefono e io so già che è lei..
IO_pronto?
LEI_ho avuto un idea, l'abbiamo avuta noi, anzi solo io, perchè le belle idee vengono sempre a me
(io non ho ancora detto niente se non pronto)
IO_papino è in doccia, se vuoi richiamare dopo
LEI_ma no, lo dico prima a te: abbiamo..mmmh, ho pensato che possiamo pagarvi le vacanze.

il primo impulso è quello di dire di no come al solito, ma se vogliono pagare perchè no?? vuol dire che se lo possono permettere!

IO_va bene, grazie, ne parliamo e poi vi facciamo sapere!

papino esce dalla doccia e mi dice che va ad asfaltare le strade piuttosto che farsi pagare le ferie da loro, perchè giusto il giorno prima piangevano miseria, quindi di soldi non ne hanno e poi ce lo rinfaccerebbero in eterno.

Mi maledico perchè per l'ennesima volta ci ho creduto che non fosse una facciata, ma un regalo sincero.

Vista la mia faccia delusa, Papino dice che potremmo andare in Abruzzo la settimana di ferragosto e anche quella dopo, tanto i suoi si fanno tre mesi, tornare la settimana di ferragosto non sarebbe un problema, che la spesa sarebbe solo la benzina, perchè là c'è tutto.

Io ci credo, voglio crederci, ma il giorno prima della partenza dicono a lui(NON A ME), che sono vecchi, che fare avanti e indietro è faticoso, quindi vanno ora due settimane, tornano, ripartono ma non vogliono tornare prima di ferragosto perchè è stancante, se volgiamo possiamo fare la settimana dopo con loro.

Sono del parere che a casa propria ognuno possa fare quello che vuole, ma non puoi proporre una cosa e ritirarla. Cosa credeva?che visto che ormai mi ero fatta l'idea che sarei andata in Abruzzo non mi sarebbe pesato andare con loro? bissando così la vacanza più brutta della mia vita, in cui l'unica cosa che ricordo sono i pianti che mi facevo ogni giorno?

Sono stupida perché ci cedevo davvero, avevo fatto una promessa e non la manterrò...
una settimana di mare farebbe bene ai bambini ma anche a me..avete idee di dove possa andare in 4 senza spendere troppo?

giovedì 13 giugno 2013

la poetessa

Ieri dopo tanto tempo siamo tornate al nostro parchetto in un giorno infrasettimanale.

Era pieno di bambini e Ponyo si è subito piombata a tampinarli tutti.
La guardavo stupita mentre giocava con bambini che non aveva mai visto, correva, passava la palla, come se si conoscessero da sempre.

Poi verso le 18,30 il parco si è svuotato e noi ci siamo fatte un bel giro in altalena.

Prima di rimettere Pilucco nel suo passeggino e incamminarci verso casa, Ponyo è andata a sdraiarsi accanto a lui.(forse non va bene mettere un bimbo così piccolo sull'erba, ma lui se la godeva un sacco che l'ho voluto accontentare)

"mamma perchè gli altri bambini non si sdraiano?"

"perchè dovrebbero Ponyo?cosa c'è da guardare?"

"mamma c'è il cielo!"

i suoi occhi vedono la poesia ovunque!

mercoledì 12 giugno 2013

proseguendo

Mi chiedo quando tutta questa strada sembrerà relativamente breve...o meglio, quando mi abituerò a fare un ora e 1/2 ogni giorno.
Comunque non è poi così terribile, il peggio sarà in inverno, ma per ora brilla il sole e non ci voglio pensare.

Di buono c'è che uso un sacco il kindle che mi hanno regalato i miei al mio compleanno. Ne sono completamente dipendente!come ho fatto a vivere prima?
oro corro come una gazzella per prendere la metropolitana senza essere appesantita dai kili di un libro!Sto leggendo "the help", che dopo avermi fatto commuovere in dvd riesce a farmi piangere anche in formato e-book!

Giovedì ho la prima riunione dell'asilo. Ci comunicheranno il programma e la sezione in cui siamo capitati. Chissà se saremo con C. che ci mena sempre!
Mi fa davvero strano, mi fa quasi sentire adulta..chissà quando mi renderò conto che lo sono già da un pezzo!

La settimana prossima avremo anche la mattina in asilo e io non vedo l'ora di portare Ponyo.
Ieri parlandone mi ha chiesto: "ma posso anche andare dentro?"
perchè di solito vediamo i bambini che escono dall'asilo, ci fermiamo un po a giocare, ma non possiamo entrare dentro. Mi ha fatto tenerezza, chiesa cosa ne penserà, se farà capricci per venire via...CAPRICCI..
Ponyo è una bimba brava, ascolta, ma ultimante fa un sacco di capricci per G.

Se G. è in cortile stanno giocando e poi va su a far la pipì Ponyo piange disperata.
Non vi dico le scene quando G. sale per cenare o quando dobbiamo salire in casa noi e G. rimane giù.

Le urla riecheggiano pe tutta la corte, devo letteralmente trascinarla per le scale, poi dopo 10 minuti la cosa è archiviata ed è come se niente fosse.
ma la cosa si ripete ogni giorno.

In cosa sbaglio?come posso fare affinchè non pianga così tanto?

mercoledì 5 giugno 2013

CANTAR VITTORIA

Ieri per la prima volta ho fatto il percorso con i mezzi.
Mi sono alzata, ho lasciato i pupi dormienti dai nonni, sono andata in stazione a fare il nuovo abbonamento...80 euri...azz
ma signora può viaggiare ovunque in lombardia...è stata la risposta della bigliettaia
signora mia, chissà che sciallo poter pensare di viaggiare tutto il giorno in lombardia ed essere al lavoro..è stata la mia risposta.
Sono salita sul mio solito treno e sono stata attenta a scendere prima (chissà quando perderò l'abitudine di scendere alla mia vecchia fermata) per prendere la metro.
Mi sentivo un po spaesata, ma era bello vedere che c'era tanta gente.
Ho trovato subito il collegamento con la metro e mi sono seduta.
Non piace la metro, non mi è mai piaciuta, ma questa ad un certo punto esce in superficie e sembra un treno, quindi non è poi così male.
Il sole illuminava i campi e le macchine che pigre si incolonnavano al semaforo.
Dopo un po arriva la mia fermata, scendiamo in pochi, non è che ci sia granchè alla fermata in culo ai lupi.
Ora mi tocca il pezzo a piedi, e di buona lena mi metto a fare gli 800 metri che mi separano dalla mia colazione.
Il sole illumina anche i nuovi uffici, sembra tutto così pulito e ordinato.
Faccio fatica ad organizzarmi, non ho più tutte le cose sottomano, ci vorrà un po prima che mi abitui.
Il tempo passa veloce e presto finiscono le mie 6 ore e devo rimettermi in viaggio.
Faccio il pezzo a piedi sotto il sole cocente, arrivo alla metro e mancano 12 minuti al prossimo treno, chissà se troverò la coincidenza una volta scesa..
Mi sento sola su quella panchina ad aspettare, ho anche finito il libro nel viaggio d'andata.
MI metto l'ipod ed è stranamente sintonizzato su radio italia(di solito è su virgin radio).
Ci sono i modà, credo che la canzone si intitoli Gioia.
Prima che i modà diventassero così famosi, avevano fatto da colonna sonora all'inizio della mia storia d'amore con papino, ogni volta che sento la sua voce non posso fare a meno di essere trasportata indietro a quegli anni.
Mi sebra tutto così difficile, sento gli occhi che si gonfiano e inizio a piangere.
Non è vero che crescendo divento più forte, non è vero che invecchiando ho meno paura, non è vero che il trasloco non mi abbia spaventata.
Ci metto un ora e mezzo ad andare e lo stesso a tornare. come farò quando inizierò il tempo pieno. e il tempo per i miei bambini?
un ora e mezza è tantissimo.
Io però ci avevo provato a fare la forte e pensare che tutto andasse bene..ci avevo davvero provato

lunedì 3 giugno 2013

trasloco

è ufficiale, abbiamo traslocato, ora lavoriamo ufficialmente inculo ai lupi..però..
però anche se sono effettivamente cresciuta nella vecchia sede, non mi dispiace affatto averla lascaita, spero che questo brutto periodo lavorativo vada via insieme al trasloco, che le cose possano lentamente tornare a migliorare.
l'ufficio è bello, luminoso e la produzione è davvero spaziosa, se non fosse per la distanza da casa e la scomodità dei mezzi sarebbe un posto ideale. Ma è il mio lavoro e mi piace, credo che valga la pena fare dei sacrifici, oggi più che mai.
Domani proverò per la prima volta a famela con i mezzi..e vedremo se mi piacerà ancora o se avrò già cambiato idea!
Forse sono cambiata, ma un trasloco che mi faceva paura 5 anni fa, ora non me ne fa più così tanta, forse l'esperienza insegna e rende davvero più forti..o forse si invecchia e certe cose non fanno più paura

martedì 28 maggio 2013

FRIVOLEZZE

é un periodo un po così, mi sento insicura e non mi piace.
La crisi sembrava avesse preso tutti tranne noi..e poi invece è arrivata anche qui..per tirare avanti abbiamo deciso di diminuire lo stipendio e di restare tutti..però la cosa mi preoccupa..i miei risparmi per quanto basteranno? e il lavoro tornerà? meno male che non ho prenotato le vacanze, sono la prima cosa che salteremo.

e in questo periodo brutto brutto brutto, con secchiate di pioggia ad allietarmi la giornata, io ho un insana voglia di tagliarmi i capelli.
li vorrei ritagliare tutti, con un taglio corto dietro e lungo davanti, come due anni fa, però li vorrei già sotto le spalle per poterli lasciare mossi quando non ho voglia di stirarli.
comunque andrei dai cinesi, perchè soldi ghe n'è minga!
una domanda: io ho un sacco di capelli bianchi, faccio tinte castane da una vita, ma ultimamente il parrucchiere me li ha fatti troppo scuri..si può fare una tinta castana chiara o si deve sempre scurire?

sabato 25 maggio 2013

FORMICHE

Oggi siamo tornati a casa e la cucina era invasa dalle formiche!
la nostra vicina ha messo il veleno e loro hanno pensato bene di salire al secondo piano per vedere che aria tirava...be hanno fatto festa!briciole ce ne erano in quantità industriale.
Le ho pestate...e Ponyo mi guardava e mi chiedeva: "perchè le uccidiamo?"
cosa potevo risponderle?
ho mentito
ho detto che non erano morte, che dormivano un po e noi le mettevamo fuori.
che in casa delle persone le formiche non vanno bene perchè rovinano la pappa..
ero appena riuscita a convincerla che non si uccidono gli animali..nemmeno quelli piccoli...

venerdì 24 maggio 2013

STRONZETTA

Noi abitiamo in corte e nella nostra ci sono 10 bambini che vanno dagli otto mesi di Pilucco ai dieci anni.
Ponyo ci va a nozze, adora giocare giù. I suo preferiti son M. maschio di 7 anni, che la fa sganasciare dal ridere e G. femmina di 5 anni, che la comanda a bacchetta.
Non so perchè le voglia così bene, G. non gliene vuole per niente, anzi...

Se stanno giocando con i pentolini e io dico: Ponyo non ti bagnare perchè se no filiamo in casa a cambiarci, lei fa di tutto per bagnarla e me lo dice!:mamma di Ponyo, si è bagnata!!

l'altro giorno siamo scese con le bolle.
G. mi chiede, posso usarle?
e io: certo!
lei prende e le rovescia tutte in un annaffiatoio
io la guardo e le dico: G.!non si sprecano le cose!(poi se sono mie)!
lei mi guarda, ride e mi fa:ma non importa

a questo punto succede la tragedia.
con un tubo nell'annaffiatoio vogliono fare le bolle, tira di qua, tira di la, Ponyo si bagna.
basta andiamo in casa.
pianti, urla, disperazione.

un ora dopo torna il nostro papà, G. è ancora in giardino, gli corre incontro e dice.
questo è di Ponyo (il vasetto di bolle pieno di terra) è stata lei a buttare il sapone e a riempirlo di terra..

cerca sempre di farla sgridare, è molto prepotente, ma Ponyo la adora.
se succede che G. va in casa a fare la cacca e scende più, Ponyo piange lacrime grosse come laghi e si dispera.

non mi piace che giochi con lei, ma non so davvero che fare

mercoledì 22 maggio 2013

...e andiamo

da tre settimane pilucco ha preso a gattonare strisciare all'indietro, dal suo battesimo invece ha cominciato pianin pianin ad andare avanti, è troppo tenero. Ha così tanta voglia di star dietro alla sorella che mi sa che presto gattonerà velocissimo!

a differenza di Ponyo però ora ci sono molte più insidie intorno.
ieri l'ho beccato vomitare perchè stava mangiando l'occhio di un pupazzo adesivo...mi si è fermato il cuore, sono stata malissimo, sto cercando di insegnare l'ordine, ma mi sembra una battaglia impossibile!

Ponyo invece è nel loop di :"se no", lo mette in ogni frase, anche quando non serve, oppure ti lascia lì, con un "se no" sospeso che non sai se sta usando giustamente o no..

Ciao tata io vado a lavorare
si mamma io faccio la brava se no...

martedì 21 maggio 2013

miglio amica di pelle

Ponyo ha il vizio di toccarmi i capelli..io non lo sopporto

ponyo non toccarmi i capelli

lasciami stare

smettila

PONYO BASTA!

mi abbraccia così riesce a toccarmi i capelli facendo finta di niente e mi dice

mammina sei la mia miglior amica di pelle

ruffiana...e furba!

lunedì 20 maggio 2013

NON C'è LIMITE AL PEGGIO

è da un po che non scrivo niente sui miei suoceri, ma questo non vuol dire che vada tutto bene..
Ieri però abbiamo esagerato.
Ponyo è piccola, ma impara in fretta, sopratutto quello che non voglio che faccia.

Non voglio che strappi i fiori, non mi piace e non penso sia una cosa da fare. A lei invece piace strapparli, poi me li regala, ci cucina e fa tutte le sue cose, ma finchè siamo al parco e gioca con i fiori di tarassaco mi va più o meno bene(anche se le sto spiegando che i fiori gialli presto diventeranno quei soffioni che ama tanto e che se li strappa non li vedrà mai), ma quando strappa i fiori dai vasi dei vicini le cose cambiano.

Ecco ieri mio suocero ha detto che può strappare tutti i fiori che vuole, anche dai vasi..mesi di sgridare e di dialogo dissolti in cinque minuti...

e non è questo il peggio, mentre li stiamo salutando sul cancello di casa mi racconta divertito che hanno giocato con le api e le farfalle.
Io penso di aver capito male..chi gioca con le api???
a quanto pare loro.
ne hanno presa una senza pungiglione e le hanno tolto un ala così Ponyo ha potuto tenerla in mano un po, all'inizio aveva paura, ma poi si è fatta coraggio. Stessa storia con la farfalla.

Ecco, io mi sono incazzata come una iena, ma che ti dice la testa?
far male agli animali?far diventare la mia piccola una sadica??
mi ci incazzo ancora adesso, io sto sempre zitta, ma questa volta non posso più tacere, sabato prossimo gliene dico di tutti i colori.
Già ieri con Ponyo ne abbiamo parlato un po e le ho spiegato che hanno fatto una cosa davvero brutta, continuerò così per tutta la settimana.
Avete consigli da darmi? come posso far capire a Ponyo che non deve far male anche agli animali piccoli?

sabato 18 maggio 2013

il sabato

Approfittando dell'assenza della pioggia (dire bel tempo mi sembra eccessivo qui da noi), abbiamo fatto un salto come tutti gli anni al pime, per tutta un'altra festa family.
Ci andiamo ogni anno, mi piacciono quelle bancarelle e se non sto attenta finisce che spendo un sacco di soldi tra bracciali, orecchini, collane e vestiti etnici.
Pensavo che Ponyo sarebbe stata abbastanza grande per poter partecipare ai laboratori, ma vedendo l'età media dei partecipanti ho deciso di aspettare ancora un anno.
Oggi ha giocato sui tavolini con altri bambini con quelle pallette di mais che si attaccano con la sputazza.
si è divertita un sacco e noi siamo tornate a casa con una nuova amica:

martedì 14 maggio 2013

BATTEZZATO

Finalmente è finita! Pilucco è battezzato e presto io sarò santa.
Sono del parere che non ci si può improvvisare organizzatrici di feste e/o eventi e me ne rendo conto ogni volta (per ora 2) che mi cimento.
A differenza del battesimo di Ponyo gli invitati erano 50 invece che 100, ma lo sbattimento mi è sembrato doppio!
Con lei, che all'epoca aveva 2 mesi, avevamo noleggiato il locale di un mio cugino, che aveva preparato tutto; ricordo di non aver mangiato nulla, ero stata nella stanzetta con Ponyo in preda alle coliche, ma contenta di non doverla dare in braccio a tutta quella gente.
Quest'anno è andata un po diversamente..
abbiamo noleggiato il salone accanto alla chiesa e sperato sperato sperato con tutte le forze che ci fosse il sole.
Sono andata in pasticceria ad ordinare la torta, pasticcini, pizzette e salatini..non sono brava ad organizzare, figuriamoci a cucinare per 50 persone!
Mi sono stampata gli inviti

ho stampato i festoni con i piedini e il musetto del mio pilucco , prendendo spunto da http://worldwidemom.blogspot.it/ che è un vero e proprio portento, lei si che è davvero brava e fa cose pazzesche!
gonfiato i palloncini
e poi era tutto pronto!



solo che la pasticceria non trovava l'indirizzo della chiesa e sono stata mezz'ora in piazza della chiesa a dare indicazioni.
io so gesticolare, indicando vie a caso, ma sapevo che sarebbe stata dura spiegarmi..per fortuna poi hanno trovato il posto da soli.
Scarico, pago e sistemo le cose sui tavoli e nel frigo...azz..la torta è troppo grossa e non entra!! panico?e adesso?
la metto su un carrello, lascio il freezer aperto, chiudo tutto con il cartone e spero che non vada via corrente.


sono le 3, penso che ho il tempo per una doccia a casa dei miei e poi torniamo qui..
mentre ce ne andiamo spiego a papino che è davvero un tuffo nel passato, io li ci andavo da piccola.
era l'oratorio FEMMINILE (e si, all'epoca si giocava separati), ci ho passato tanto tempo e mi sono sempre divertita un sacco.
lui mi guarda strano e mi chiede:"facciamo l'amore?""
ma sei fuori?ma come ti salta in mente? potrebbe arrivare chiunque!!
non ho più l'età per certe cose!
e poi sarebbe come farlo nel letto da bambina!
ma sopratutto non abbiamo tempo!

così corriamo a casa, ci prepariamo, prendo pilucco e torniamo in chiesa.
Pilucco "canta" per tutto il tempo, si fa fatica a sentire il prete, ma la funzione è corta e concisa. Verso la fine arriva anche Ponyo (che ha fatto la nanna fino alle4) e sull'altare siamo davvero una bella famiglia, mi faccio i complimenti da sola.

Alla fine ci trasferiamo nel salone accanto, beviamo, mangiamo e ci divertiamo.
Passo a parlare con tutti, parenti, suocera, amici, c'è un bel clima, rilassato, fuori i bimbi giocano e corrono a perdifiato, dentro i grandi si rilassano, chiacchierano e mangiano.

Pilucco è bravo, sta con tutti e fa anche un po di nanna.

è andato tutto bene, ma mi rendo conto che sono cambiate un sacco di cose...
o forse le cose sono sempre le stesse, ma io sono diversa..
per fortuna è tutto finito, spero che il prossimo "evento" sarà il mio matrimonio!

martedì 7 maggio 2013

troppe cose

Sono giorni che vorrei scrivere qualcosa, ma non riesco a trovare cinque minuti di fila.
Quindi mentre papà è in doccia, ho già apparecchiato, cucinato (devo scaldare per la cena), i bimbi giocano, guardano un po di tv e finalmente riuscirò a scrivere due righe.

Oggi pilucco ha fatto il tagliando: 8,2 kg per 68 cm di amore.
Va tutto bene, tranne il pistolino che è ancora chiuso...lui non abbassa la pelle di colpo facendo uscire il sangue come hanno fatto ai figli delle mie amiche, mi ha detto che di solito preferisce adottare una crema che scolli da sola la pelle...non so quale sia il metodo migliore. Di lui mi fido, certo, ho avuto la fortuna di non averne mai davvero bisogno, ma le cose che mi ha detto mi son sempre state utili.

Domenica battezzeremo pilucco, solo che con questo tempo ballerino non ho ancora comprato un vestito. maniche corte?lunghe? cercherò una via di mezzo..voi che mi consigliate?

Mi sto organizzando con un sacco di cose da fare, spero di non fare i soliti pasticci, mi sono presa un grosso impegno, ma lunedì spero di potervi dire: è stato un successone.

Pilucco gattona sempre di più..sempre all'indietro..ma ci sta lavorando!

Sono follemente innamorata e troppo di corsa.

Ora vado a ritirare i panni che sta per arrivare un mega temporale, si sentono già i tuoni, spero sia un bel temporale!

lunedì 29 aprile 2013

35

Ieri era il mio compleanno.

35

è stata una giornata strana.

La pioggia ci ha dato una tregua, non mi sembrava vero poter uscire tutti e quattro insieme senza ombrello.
Abbiamo fatto le bolle, abbiamo comprato una torta, mangiato il gelato e schifezzato.

è stato strano perchè di solito ho molte aspettative per questa giornata, la maggior parte delle volte piango perchè mi sento incompleta e delusa, ma quest'anno no.
è stata una domenica, più che il mio compleanno, un giorno di piccole cose che mi hanno scaldato il cuore.
I loro abbracci e i bacetti mi hanno ripagato più di mille regali..che comunque sono arrivati lo stesso.

Un libro nuovo, che divorerò in treno
le new balance blu, con le quali correrò dietro alle miei pesti
un disegno con delle faccette
e il tanto desiderato kindle paperwhite che non vedo l'ora di provare

giovedì 25 aprile 2013

da sola

oggi è davvero una bella giornata.
Sto bene, ma davvero.
Siamo a casa, purtroppo papino no, ma noi ci siamo svegliati con calma, abbiamo fatto la lavatrice, colazione, steso, ci siamo vestiti e siamo andati al parchetto vicino a casa.
L'amichetto di Ponyo l'ha picchiata come tutti i giorni e lei non si è difesa come al solito, forse un giorno impererà, forse non lo farà mai, ma ogni volta son botte, poi abbracci con promesse da marinaio. Eppure si vogliono bene..TANTO.
Mia madre è venuta a trovarci in bici ed è stata una cosa carina.
Abbiamo mangiato e stanno ancora facendo la nanna..TUTTI E DUE...PARADISO!
mi hanno messo sul cellulare whatsapp..mi sta facendo fuori il credito e non riesco a fargli capire che voglio che si connetta al wi-fi quando glielo dico io...mi sa che tra un po la cancello..ma oggi non mi preoccupa...
è come se mi fossi fatta una canna..oggi va tutto bene..niente può frenare la mia felicità, tra un po facciamo merenda e torniamo al parchetto.
Ponyo prenderà altre botte o correrà via come le sto insegnando??

e pensare che oggi è così bello perchè ieri dopo 7 mesi sono uscita per due ore sotto casa con le miei amiche senza nessuno..DUE ORE DA SOLA...

domenica 14 aprile 2013

il bullo

tornando a casa dal parchetto ci siamo imbattuti in un gruppo di ragazzini in bicicletta fermi all'angolo della strada. ho visto da lontano che qualcosa non andava, si sentiva nell'aria odore di rissa. un bulletto, vestito da tale e con un atteggiamento da schiaffi, parlava dal marciapiedi con le mani in tasca. tutti gli altri erano giù ad ascoltarlo.
con aria strafottente diceva ad uno in bicicletta:
"sai cos'ha fatto mio padre quando il tuo ha detto che mi denunciava?ha riso, e ha detto che puoi chiamare la cia, l'fbi e i carabinieri che tanto non gliene frega un c...o".
questa è l'unica cosa che ho sentito, non so cosa gli abbia risposto l'altro, so solo che dopo un po l'ho visto correr via in bici e ho sentito gli altri che lo chiamavano coniglio.
Questa scena mi ha messo l'ansia..come mi comporterò io?
se qualcuno dov'esse picchiare i miei bambini o fare il bullo con loro cosa dovrei fare?
so che sono ancora tempi lontani, ma che razza di gente c'è in giro?

venerdì 12 aprile 2013

che prurito!

come vi avevo scritto, non ho avuto la possibilità di arrovellarmi per il rientro al lavoro perchè sono rientrata una settimana prima.
Quindi non ho pianto, non mi sono disperata sul divano, non ho riso, mi son preoccupata, ma nel termine pratico. Sono diventata una molla scattante e tutto è ripreso.

Però i bimbi si svegliano ancora di notte, i ritmi sono molto serrati e i pensieri sono venuti lo stesso..e così è arriva il prurito.

INSOPPORTABILE a gambe e braccia.

ogni sera mi gratto, trovando finalmente pace, procurandomi graffi e a volte lividi..cerco di resistere, ma a volte sembra impossibile.

Così il dottore mi ha dato delle gocce per dormire meglio, che non hanno fatto altro che agitarmi..se non sento i bambini come faccio???
ho scoperto prendendolo che sono gocce rilassanti, quindi i bambini li sento lo stesso..

lui ha detto che è stress, io non mi sento maggiormente sotto stress rispetto a prima, quindi mi ha fatto fare gli esami del sangue per trovare qualcosa che non va...

be se voleva agitarmi ci è riuscito..speriamo che le sue gocce mi calmino..domani avrò gli esiti

domenica 7 aprile 2013

primavera 2



Ieri e oggi siamo stati tanto in giro, non ne potevamo più di passare i fine settimana in casa, se poi ci mettiamo che le previsioni per domani danno pioggia..
non ce lo siamo fatti ripetere due volte e quando abbiamo visto il pallido sole affacciarsi tra le nuvole siamo corsi al nostro parchetto.
Un po freddino e con due soli bimbi, ma anche qui la primavera si sta affacciando!

mercoledì 27 marzo 2013

UFFA

Uffa, ho voglia di primavera e invece il tempo non accenna a migliorare.
Uffa, vorrei stare con i miei bambini, ma ultimamente io e Ponyo finiamo sempre con il litigare. Penso che cerchi solo attenzioni e che cerchi di farmela "pagare" per essere tornata al lavoro, ma a volte mi fa davvero perdere la pazienza.. So che non dovrei arrabbiarmi, ma la stanchezza e l'essere sempre di corsa mi riducono la pazienza a zero.
non vedo l'ora di assestarmi a questi nuovi ritmi e tranquillizzarmi un po.
Uffa, vorrei pianificare una vacanza, ma non so nemmeno se, quando e dove andremo quest'estate.
Uffa, vorrei fare shopping, ma ora come ora le cose che mi piacciono non mi stanno come vorrei...
Uffa, vorrei tagliarmi tutti i capelli ed averli già lunghissimi
Uffa, vorrei essere più coerente..
Aspetto un po di primavera che con il suo sole tiepido mi scaldi la pelle e le idee

mercoledì 20 marzo 2013

I GIORNI A SEGUIRE

Dire che tornare al lavoro è bello mi sembra eccessivo, ma mi sta andando bene.
è davvero un bel posto e il mio lavoro mi piace un sacco.
I bimbi sono stati bravi, Pilucco lo è per natura, quindi non avevo dubbi su di lui, e Ponyo sta facendo la brava sorella maggiore.
Mi piange il cuore a tirarli giù dal letto alle 6,20 per caricarli in macchina, l'unica consolazione è che poi si riaddormentano a casa dei miei e si svegliano alle 8,30.
Solo che lei non aveva capito che la mamma va al lavoro sempre, così ieri mattina mi guarda e mi chiede: "ma tu non stai con noi?"
"no tata, io devo lavorare"
"ma ancora?"
"tata sempre"
"no, non voglio mammina"e le è scesa una lacrimuccia..
lei non aveva capito che ormai era questa la vita e mi ha un po commossa...

Alzandomi così presto Pilucco non mangia granchè, appena lo attacco alla tetta dorme.
Il pediatra mi ha consigliato di tirarmi il latte o di dargli quello artificiale, solo che lui quello artificiale non lo vuole. Ha mangiato la frutta, ma il latte no...
Ho provato a tirarmelo, ma con scarsi risultati, ho un tiralatte manuale e stamattina ho le braccia a pezzi per aver provato ieri sera per mezz'ora..non è uscito tanto latte, eppure io ne ho un sacco..c'è qualche trucco da usare?se riesco vado in farmacia a noleggiare quello elettrico, ma si può ancora o è un'usanza di altri tempi? e se vuoi il tiralatte elettrico te lo compri?

lunedì 18 marzo 2013

RIPARTIRE è COME ANDARE IN BICICLETTA

è successo che ho lasciato le mie ansie e paure per l'ultima settimana di ferie.
Quindi quando mi hanno chiamato per iniziare oggi (una settimana prima), io ero molto tranquilla.
non ho avuto tempo per pensare che stava finendo tutto (se non stanotte quando dopo la sveglia alle 2.30 non ho più ripreso a dormire).
Mi chiedo quando imparerò a dormire, a non agitarmi passando la notte in bianco, come prima di una gita..
Stamattina ero un po in ansia, perchè vedere la neve non mi è sembrato un buon inizio, ma così non è stato. è andato tutto bene.
Mi sentivo quasi sollevata.
I miei bimbi mi sono mancati un sacco, ma mi sono portato una o due foto da mettere sulla scrivania, poi quando ho chiamato a casa li ho sentiti ridere e in men che non si dica ero a casa.
Ora sono cotta, ho davvero sonno, stasera mi sa che alle 21.30 crollo prima dei bimbi!

riprendere a lavorare è come andare in bicicletta, basta risalire in sella..

mercoledì 13 marzo 2013

inquietudine

è già la seconda volta che mi succede. Sogno di morire e muoio..no, non sono un fantasma...
però quando una volta sognavo che stavo per morire, succedeva qualcosa di impossibile per cui riuscivo a salvarmi.

Questa è già la seconda volta che sogno che sto per morire e non succede niente che interrompa gli eventi..mi devo preoccupare?

poi sogno di dimenticare i miei bimbi in giro e solo mentre rincaso mi ricordo di averli lasciati in oratorio.

Dormo poco e male, quando mi sveglio non faccio altro che pensare a come mi dovrò organizzare per rientrare al lavoro.

Con Ponyo ormai ero "rodata", mi svegliavo poco prima delle 6, le mettevo il tutone se faceva freddo o la tutina se era già estate, la caricavo in macchina e alle 6.30 era nel lettino dei miei senza nemmeno essersi svegliata.
Avrebbe fatto colazione alle 9 con i nonni.

ma con due come si fa?

ne vesto uno, lo piazzo in macchina e poi risalgo a vestire l'altro?e chi dei due prima? e non prenderà troppo freddo stando in macchina ad aspettare?
ce la farò?
c'è un sistema migliore e più rapido?

e poi? i miei ce la faranno a svegliarsi alle 6 e tenerne due? pretendo troppo da loro?gli sto chiedendo troppo?
se non dovessero farcela me lo direbbero?

martedì 12 marzo 2013

è fatta

l'hanno presa!

Ponyo andrà all'asilo, ho già versato la caparra e compilato i moduli, a giugno c'è la prima riunione per stabilire le classi e poco dopo c'è una giornata mamme-bimbi all'interno dell'asilo.
Sono contenta, le cose cominciano a girare per il verso giusto!

lunedì 11 marzo 2013

stupida

Mi sento una stupida, ma magari se lo metto nero su bianco sembrerà meno sciocco.

Oggi come al solito sono andata a pranzo dai miei, come ogni giorno alle 13.45 raccolgo baracche e burattini e dico:tutti in macchina, si va a casa a fare la nanna!
Ma oggi Ponyo mi ha detto: mamma io non vengo, sto qui a dormire.
Ho fatto finta di niente, le ho detto di fare la brava e che ci saremmo viste dopo la nanna, ho messo in macchina Pilucco e guidando verso casa mi son messa a piangere...

Sono sempre stata io la sua preferita, se deve scegliere, sceglie sempre me, anche se dall'altra parte vengono offerte caramelle..ma oggi no...
e mi chiedo se sia colpa mia, perchè ultimamente ho meno tempo per giocare con lei, mentre i miei ne hanno di più..insomma essere spodestata in questo modo mi ha messo un po in crisi.

E comunque è la cosa migliore che potesse fare, perchè io tra due lunedì oggi sarò al lavoro...

ecco l'ho scritto...

due lunedì e poi tutto cambierà

non ci saranno pigri risvegli tutti e tre accoccolati nel lettone, ma una sveglia cattiva che ci strapperà ai sogni alle 6.

non ci saranno le campane che alle 12 ci diranno di tornare a casa dal parchetto perchè il nonno sta buttando la pasta ed è ora di incamminarsi, ma un treno, che con ritardi probabili mi porterà lentamente a casa.

non ci saranno più giornate, ma solo fine pomeriggi e serate.

e non so spiegare quanto mi mancheranno, quanto sentirò la mancanza del loro contatto tutto il giorno, quante cose mi perderò, quante non ne verrò nemmeno a sapere...

ma lei oggi è stata più brava di me, perchè si deve abituare a vedermi meno, io invece vorrei starle attaccata tutto il giorno, per respirare quel profumo di biscottini che emana ancora.

Non è vero che dopo il primo il secondo è facile, mi ritrovo in crisi come la prima volta, stesso groppo in gola, stessi occhi gonfi, non imparo mai..che stupida...


ma forse vedendola dall'altra parte penso che dovrei sorridere, perchè finalmente tornerò al lavoro, quindi staccherò la spina per un po, riderò di nuovo con il mio capo e i miei colleghi, che forse se non avessi un lavoro a cui tornare piangerei di più perchè non potrei garantire un solido futuro a i miei bimbi...

vorrei solo avere un altro po di tempo...

domenica 10 marzo 2013

le botte

il figlio della mia amica picchia sempre Ponyo.
Si vogliono bene, ma lei le prende sempre.
Ogni giorno mi chiede :"mamma ma quando viene C."?
giocano un po, ma poi inevitabilmente lui la spinge o la prende per il collo o le tira le legnate(con il legno) sulla testa...
Lei mi ha chiesto di metterli in classe insieme all'asilo (se viene accettata)
che faccio?visto che c'è una maestra Ponyo non prenderà le botte o devo chiedere di separarli?

sabato 9 marzo 2013

asilo



la mamma dell'amichetta del cuore di Ponyo le ha fatto questo regalo per l'anno prossimo.
Il cuore mi si è stretto, trovo che sia stupendo.
Peccato solo che vadano in due asili diversi, speriamo che riescano a rimanere amiche lo stesso.
Lunedì sappiamo se l'hanno presa oppure no..

mercoledì 6 marzo 2013

come sei gentile

è da un po che ci siamo innamorati di baby coniglio, ma questo libro è davvero il nostro preferito



un libro semplice, che insegna a dire grazie, scusa, per favore..davvero carino. Abbiamo anche tutti gli altri della collana, ma questo è davvero il più bello!



grazie baby coniglio!

sabato 2 marzo 2013

AMAMI

Lo so che sono un po in ritardo, ma i bimbi hanno preso il raffreddore (non si erano mai ammalati prima), io me ne sono andata in sbattimento e sto cercando di recuperare..

Voi cosa fate per il raffreddore dei più piccoli? mi sento in colpissima per aver permesso che Pilucco prendesse il raffreddore da Ponyo..poi penso: cavoli, ma è solo un raffreddore..però..ci sto male lo stesso..

Febbraio è andato e anche Sanremo. Non lo vedo mai tutto, però lo guardo volentieri, mi piacciono le canzoni, anche se riesco a vederne solo tre a serata(poi il rito della nanna mi chiama. ma tra quanti anni ricomincerò a vedere la tv?).

Adoro Raphael Gualazzi, lo conoscevo già da un po e mi è piaciuta anche la canzone che ha portato. In più quest'anno ho conosciuto Renzo Rubino con "il postino (amami uomo).

Vi ho detto che i bimbi non stavano bene, così il sabato non siamo andati dai suoceri..allora domenica sono venuti loro da noi...
Sanremo era appena finito, così per non parlare del tempo mi sono lanciata con commenti sulla kermesse canora appena conclusa.
Non l'avessi mai fatto...
Io lo so che con mia suocera non ho nulla in comune, ma musicalmente siamo ancora più lontane. Ha sostenuto che Raphael Gualazzi è uno rauco che non sa cantare, che Mengoni è bravissimo e meritava tantissimo e che amami uomo può essere di una donna che lo conta ad uomo...

allora...

io penso che il jazz sia musica fantastica e che Gualazzi la interpreti molto bene
non sono un esperta della musica, ma a me Mengoni non piace
ma sopratutto perchè amami uomo, cantato da un uomo ad una altro uomo, dovrebbe includere una donna?
possibile che ancora ci siano persone che questionano sull'amore?

giovedì 28 febbraio 2013

habemus lettinus!

Ebbene si, visto che ormai sono quasi giunta al mio rientro in ufficio abbiamo fatto il grande passo.

Ho mandato papino all'ikea con lista di ciò che serviva e anche scaffali sui quali andare a prendere la merce.
Ovviamente è servito fino ad un certo punto , perchè quando ha deciso che tanto ce la faceva anche senza lista si è dimenticato le doghe del lettino...
e facciamoci due giri all'ikea che non fa mai male!



Ponyo era felicissima, le ho fatto anche un ragno da appendere al lettino (si avete letto bene, un ragno!sempre meglio di una cavalletta!)

Ora la questione era: dove lo piazziamo il lettino? lo mettiamo accanto a me al posto di quello vecchio? lo mettiamo ai piedi del letto, lasciando così Pilucco nel lettino vecchio accanto al mio? o li mettiamo in cameretta e buttiamo la chiave?

C'è voluto un po, ma alla fine il letto nuovo da bambina grande è rimasto ai piedi del lettone, mentre quello vecchio con dentro Pilucco e le lenzuola rosa è rimasto acconto a me. Non me la sento di metterli già in cameretta.
Innanzitutto è piena di roba che dovremmo spostare e poi non ho voglia di fare troppa strada di notte per andare a recuperare chi piange.

In questo momento sono su da soli e mi sembra un traguardo che non mi sarei mai nemmeno lontanamente aspettata.

La notte è ancora grigia, lui si sveglia 2 o 3 volte e sveglia anche lei, spero nel giro di un mese di risolvere qualcosa..o loro dormono tutta la notte..o io c'ho fatto il callo e la mattina non sono uno zombie!

Lei ci prova ogni tanto a venire nel lettone, ma è anche brava nel farsi rimettere a nanna.

Quindi morale della favola, ognuno dorme nel suo letto.o almeno ci si prova

martedì 26 febbraio 2013

il passato

Avevo in mente tutt'altro post, ma poi rincasando per la nanna del pomeriggio ho trovato nella casella della posta una lettera.

Una di quelle belle, scritte a mano, che profuma di passato e di avventure lontane...
Una lettera... una volta ne ricevevo e ne scrivevo un sacco, invece ora grazie\per colpa del computer mi limito a scrivere mail..che non ha lo stesso sapore, non trovate?

Non l'ho letta subito, ma ho guardato il mittente: la mia amica del liceo A.

Ho messo a letto i bimbi, poi sono scesa sul divano e mi sono presa il tempo.

Era una lettera di quando avevo 16 anni, la mia allora amica del cuore stava per partire per fare un anno studio in America, doveva darmi quella lettera l'ultima volta che ci vedevamo prima della sua partenza, solo che nella fretta di salutarci la lettera è passata in secondo piano e mettendo a posto nei suoi cassetti è spuntata fuori ora.

Ricordo molte cose di lei e rivedere la sua calligrafia mi ha fatto viaggiare ancor prima di cominciare a leggere. Eravamo inseparabili, la mora e la bionda, litigavamo un sacco e poi facevamo sempre pace, mi leggeva anche i fondi di caffè e io ci credevo ciecamente.

é una lettera molto tenera, diceva che era molto contenta del fatto che ero riuscita a dirle "ti voglio bene"(ero già chiusa allora!), che eravamo sorelle, avevamo fatto il patto con il sangue (fanculo alle malattie) e nessuna ci avrebbe mai separato, tantomeno un anno in America, ci saremmo scritte sempre e telefonate qualche volta.Il suo ritorno sarebbe coinciso con l'anno della SVOLTA, l'anno dei 18 anni!!

Ricordo il pianto di quando è partita, a 16 anni la tua migliore amica è tutto e pensi che non sopravviverai...

Poi invece le cose sono andate diversamente.

Ci siamo scritte, mandate cassette in cui parlavamo da sole per 40 minuti, siamo riuscite anche a parlare al telefono, ma non sono stata la sorella perfetta.

A 16 anni avevo bisogno di un amica del cuore, sopratutto per com'ero insicura e strafottente allo stesso tempo, così mi sono attaccata a S., un altra mia compagna di classe e al suo ritorno io avevo lei e S.,ma in tre le cose erano un po diverse, così ci siamo allontanate.

è una cosa che mi sono sempre rimproverata, forse sono stata un po superficiale, ma a S. voglio bene tutt'oggi, siamo ancora molto amiche, ho fatto da damigella al suo matrimonio e a volte le nostre bimbe giocano insieme..

Con A. sono amica di Facebook, ma mi chiedo sempre come sarebbero andate le cose se lei non fosse partita, mi chiedo cos'ha pensato al suo ritorno e se l'ho delusa..

Però che viaggio fantastico oggi..ho di nuovo 18 anni...