Lilypie Second Birthday tickers

Lilypie Kids Birthday tickers Lilypie Fourth Birthday tickers

lunedì 2 aprile 2012

zitta

tutto è iniziato 4 mesi fa in dicembre, quando siamo tutti più buoni, in procinto di fare nuovi proposti per l'anno che verrà,e guarda caso i periodo in cui sono rimasta incinta!.
un sabato a tavola dai miei suoceri, il nonno di Gaia decide di caricarsela sulle spalle e portarla al piano di sotto dalla scala a chiocciola...
la nonna gli chiede, ma non chiedi a suoi genitori se puoi?
e lui candidamente alza le spalle e se ne va.
Io voglio dire, non sono l'oracolo e nemmeno una dittatrice, mi si può parlare liberamente, ci puoi anche litigare con me, ma se mi fai spallucce, lì mi mandi davvero fuori da tutte le grazie.
Io guardo il mio compagno e dico: "non vorrei dire niente, ma ti sembra il modo?"
Sapevo già che sarebbe finita male, perchè a lui puoi fargli di tutto, ma non toccare il papà, il quale a suo piacimento può dare dell'imbecille e dell'ignorante a chiunque(perchè lo sapete che nella sua via sono tutti così??e anche tutte le persone con cui ha lavorato..e pure tutte quelle che ha conosciuto in vacanza?che caso curioso...)
lui mi risponde solo:ma quando mai stai zitta?
una pugnalata al cuore..male che così male credo non lo dimenticherò mai..
da li ho giurato a me stessa che non avrei più detto niente, ne di male ne di bene, mi cascasse la lingua.
sabato ovviamente pranzo dai suoceri, (e ti pareva, devo timbrare il cartellino, faccio la raccolta punti, magari a fine anno ho come premio un sabato dai miei, o magari libero che sarebbe ancora meglio).
Visto che mia suocera DOVEVA fare il regalo a Ponyo, l'ho portata al centro commerciale (diventerò santa), e il mio compagno fa:ma devo venire per forza anch'io?
senti bello, non sopporto tua madre e la porto al centro commerciale, ci mangio insieme e sto con lei fino alle 4 del pomeriggio tutti i sabati, alza le chiappe e sali in macchina e vedi di non incrinarmi la vita, se devo fare shopping io vado con mia madre e tua stai a casa, andando con la tua non pensare di evitartela.
Ho pensato tutto questo e ho detto: dai non fare il musone, vedrai che ti diverti.
Hanno passato il tempo come se fossero due che escono per la prima volta, senza saper bene che dire, io intanto attaccavo bottone con tutte le mamme e i papà dei bimbi che Gaia rincorreva per i corridoi..davvero uno spasso, sembrava una matta!
Arriviamo a casa e li sento litigare, alla fine erano stati troppo tempo senza beccarsi, e sua madre si mette a piangere...
è una cosa che fa sempre, appena qualcuno la contraddice, non importa che abbia torto o ragione, lei si mette a piangere..è una cosa che mi mette profondamente in imbarazzo, non so mai bene che fare, anche perchè credo di aver visto mia madre piangere due o tre volte per la perdita dei suoi cari e basta, è una donna molto solare e se si arrabbia lei non te le manda a dire, si sfoga e poi torna il sereno..
passata anche questo andiamo a casa e in macchina lui mi chiede:ma secondo te avevo ragione?sai perchè io..perchè lei..ma perchè non dici niente?
io l'ho semplicemente guardato e ho detto: da quando mi hai detto di star zitta io non dico più niente, sono affari vostri, io non dico ne bene ne male, non voglio entrarci, fate quello che volete.
ho visto che lui c'è rimasto male, ma io ancora non l'ho digerita..
mi chiedo solo se ho sbagliato e di quanto..ma sapete una cosa?? io mi sono sentita un po sollevata!...

8 commenti:

  1. anche mio marito una volta su questioni simili mi disse di stare zitta, non sono stata mai capace di farlo e adesso che i miei suoceri non ci sono un po' mi pento di quel mio continuo mettere i puntini sulle "i".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai forse con il senno di poi e vero che ti potresti pentire, ma mandare giù tutti quei rospi e non poterne mai parlare a lui mi pesa un sacco. Io gli racconto sempre tutto, e la censura non fa proprio per me. Però so che sono in grado di stare zitta, anche se a volte fa male e poi la mia bimba si diverte così tanto con gli animali che ci sono da loro(il cane e le tartarughe), che non le farò mai capire che non mi vanno a genio

      Elimina
  2. grandissima, ti stimo. io mi sono sentita dire di farmi gli affari miei ma è più forte di me, zitta non ci riesco a stare. la tua rivincita mi deve essere d'esempio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so se ho fatto bene, ma di sicuro mi sono sentita meglio

      Elimina
  3. Non hai sbagliato hai fatto benissimo. E chi se ne frega se c'è rimasto male, in fin dei conti tu ci sei rimasta male prima di lui e per causa sua

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene anche secondo me, ci stava tutta. Magari il massimo sarebbe riuscire a dire queste cose con tranquillita' senza astio, io poi non so il tono che tu hai usato, ma a me sarebbe venuta fuori astiosa, purtroppo
    Bella la cosa dell'incrinare la vita hihihhh
    Che poi, tu ora hai tutti i diritti, tu ora sei la Reggina Madre :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da brava reggina madre sono riuscita a stare calma e ad avere un tono impassibile...non è nemmeno da me avere un comportamento così sensato razionale e calmo..forse la "covavo" così da tanto, che mi è sembrato normale dirglielo!

      Elimina